CARO PRESIDENTE - Lettere a Mattarella
 
    Stai leggendo il giornale digitale di IC 9 Cuoco - Schipa su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    CARO PRESIDENTE

    Lettere a Mattarella

    Qualche giorno fa, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha dedicato un videomessaggio agli studenti. Gli alunni di quarta B dell’IC IX Cuoco Schipa di Napoli l’hanno ascoltato insieme e hanno pensato di rispondergli.

    Ecco le loro lettere:

    Giuseppe - Caro Presidente Mattarella, grazie per il messaggio, mi è piaciuto molto. Io mi sono abituato alle video-lezioni e soprattutto a questi cambiamenti difficili, visto che dobbiamo rimanere in casa e visto che noi siamo abituati a stare a scuola con i nostri amici e con i nostri maestri.

    Antonio - Caro Presidente, nei mesi che verranno, spero di poter uscire con gli amici a fare passeggiate. M’impegnerò a rispettare le regole. Farò la mia parte per migliorare il mondo. 

    Carlo - Caro Presidente Mattarella, oggi 28 aprile ho visto con la maestra il tuo video e l’ho apprezzato, perché secondo me hai detto parole giuste. La libertà è sapere quello che si fa con consapevolezza, perciò la scuola è importante.

    Luigi - Caro Signor Mattarella la ringrazio per quello che fa. Purtroppo questa brutta pandemia ci ha fermati tutti. Grazie alla tecnologia possiamo studiare attraverso il computer, anche grazie ai nostri insegnanti che ci aiutano. Certo è difficile così, ma ho capito che se ci metti l’impegno, tutto si può fare.

    Ferdinando Manuel - Caro signor Mattarella, buongiorno! Ieri 28 aprile in video-lezione abbiamo ascoltato il suo messaggio indirizzato a noi studenti. Innanzitutto le devo fare i complimenti perché mi ha fatto capire qualcosa in più sulla scuola. Anche se c’è questo virus cattivo, noi ce la faremo e con le video-lezioni impareremo, forse anche di più di quello che imparavamo a scuola. Io spero che questa pandemia finisca al più presto e che il mondo ritorni come prima.

    Armando - Caro Presidente, ho ascoltato il tuo messaggio e mi hai fatto pensare molto, hai ragione su molte cose, perché sarebbe bello se la scuola potesse aprire di nuovo, così potremmo incontrare i maestri e i miei amici e tutti insieme imparare nuove cose. Tanti saluti.

    Caterina - Ciao Sergio Mattarella, voglio tornare a scuola per vedere i miei amici. Ciao.

    Giovanni - Caro Presidente Mattarella, mi è piaciuto molto il discorso che hai fatto per noi ragazzi. È vero, a noi manca molto la scuola, i nostri compagni, i nostri maestri, i collaboratori e tutti quelli che lavorano a scuola. La quarantena ci fa stare distanti dai parenti e dalle persone che ci stanno a cuore. Spero che molto presto ci rivedremo tutti e ci riabbracceremo. Quando usciremo starò attento a mantenere le distanze per la salute mia e di tutti.

    Karyna - Caro Presidente, quando si tornerà a scuola dovrò essere più brava, ascoltare i miei maestri, impegnarmi di più, perché sono appena arrivata a scuola in Italia e mi sono persa già sei mesi di scuola. Da grande vorrei diventare una dottoressa oppure una scienziata per salvare il mondo. Presidente ma che lavoro hai fatto prima di diventare il nostro Presidente? Conosci il Presidente della Bielorussia Lukashenko? Ti mando i miei saluti.

    Gaia Angela - Caro Presidente della Repubblica Italiana, in una delle video-lezioni abbiamo parlato di libertà e visto il suo videomessaggio. Le sto scrivendo questa lettera per dirle che io per cambiare il mondo, dopo che sarà tornato tutto ‘normale’, farei cose che si possono fare pure in questo periodo, come riciclare e andare in bici. Vorrei impegnarmi nello studio per costruire oggetti in modo da migliorare il mondo. Le auguro una buona giornata.

    Aurelia - Caro Presidente Mattarella, ho visto il suo video e la ringrazio per essere vicino a noi studenti. Stiamo vivendo un momento particolare che ci sta mettendo a dura prova. Mi manca la scuola e non vedo l’ora di ritornarci, ma so che al momento l’unico modo per poter studiare è quello di fare lezioni a distanza. Non è stato facile adattarmi a questo nuovo metodo di studio, però mi permette ugualmente di poter vedere i miei compagni e i miei insegnanti di classe che altrimenti non potrei vedere. Sono sicura che ne usciremo cambiati perché apprezzeremo le bellezze della vita, delle cose semplici e l’importanza delle relazioni. La saluto con affetto.

    Eleonora - Caro Presidente, noi studenti di quarta, abbiamo ascoltato e visto il tuo video, mi è piaciuta la parte quando hai detto che andare a scuola è libertà . Per essere parte attiva del cambiamento dobbiamo dare rispetto ai maestri e in generale a chi insegna a scuola o in palestra, perché ho capito in questi giorni che è più difficile imparare da soli, anche se facciamo le videochiamate, possiamo non capire bene. Mi manca uscire, mi mancano i miei parenti e i nostri panorami. Penso d’impegnarmi ad avere rispetto della mia città.

    Elisa - Caro Presidente Mattarella, abbiamo ascoltato il suo messaggio e mi è piaciuto quando ha detto che quando andiamo a scuola è libertà. Io penso che gli studenti di oggi siano il futuro e dobbiamo dare il buon esempio.

    Diego - Caro Presidente Mattarella, io sono un bambino di nove anni e frequento la quarta classe della scuola primaria, le faccio i miei complimenti per tutto il lavoro che sta svolgendo! Ho ascoltato il suo messaggio e l’ho trovato molto importante per il mio futuro. Ho capito che tutto quello che sto imparando oggi, anche grazie alla scuola, ai compagni e gli insegnanti, mi servirà per immaginare e costruire in futuro un mondo migliore. Inizierò da subito, facendo attenzione a non inquinare, piantando tanto verde e studiando per avere un giorno gli strumenti ed essere parte attiva in questo cambiamento.

    Sara - Caro signor Presidente, sono una studentessa e abito a Napoli. In questa quarantena sto capendo che la scuola è importante, aiuta

    Anna Chiara - Caro Presidente, mi è piaciuto il discorso che hai fatto a noi studenti. Di questa quarantena, ci sono delle cose che mi piacciono e delle cose che non mi piacciono. Mi piace svegliarmi più tardi, avere mamma e papà più vicini, giocare di più, avere più tempo per leggere i libri che mi piacciono. Invece le cose che non mi piacciono sono: non vedere i miei compagni di classe, non riabbracciare i maestri e i miei nonni, a cui voglio bene più di ogni altra cosa al mondo! In questa quarantena certe volte mi annoio perché i miei genitori lavorano al computer e quindi non possono giocare molto con me. Se avessi dei poteri magici farei sparire l’epidemia, così potrei tornare alla vita di prima, ma non li ho. Allora ho pensato di continuare a impegnarmi nello studio e di non lasciarmi andare nella noia e nella pigrizia. Studiare serve per non rimanere ignoranti. Per fortuna c’è internet che ci permette di fare lezione e vederci tra di noi. Non è la stessa cosa, ma meglio di niente. Affettuosi saluti

    Adriana - Caro presidente, il suo video messaggio è stato molto importante per tutti noi alunni e le sue parole mi hanno motivato a fare tutti i compiti. Lei mi ha fatto capire che quando andiamo a scuola facciamo un esercizio di libertà, nel senso che quando noi andiamo a scuola abbiamo la libertà di fare nuove amicizie, studiare. La libertà può significare: poter uscire e anche poter sbagliare. Le sue parole mi hanno fatto capire che noi alunni di oggi siamo il futuro, noi siamo il domani e le nostre conoscenze ci aiuteranno per il nostro futuro. In questi giorni ho capito che non dobbiamo abbatterci, ma ora dobbiamo essere forti per continuare quando sarà finita l’emergenza, la nostra vita di sempre. Grazie Presidente.a essere persone più mature, ad avere amici. Poi sto capendo che veramente mi mancano i miei amici e i miei maestri. A  volte mi sento un po’ sola, perché prima della pandemia ero sempre a scuola. Ti auguro una buona giornata.

    Chiara - Caro Presidente, sono una studentessa della classe quarta della Scuola Primaria. In video-lezione abbiamo visto il tuo videomessaggio. Io ti volevo chiedere se era possibile uscire a maggio perché non ce la faccio più a stare a casa! Lo so che ancora non è possibile perché ogni giorno sento alla televisione che ci sono ancora contagi. Allora cercherò di avere pazienza e farò la brava, così restando tutti a casa, presto usciremo tutti. Con affetto.

    Samuele - Caro Presidente, io sono un alunno e vivo a Napoli, studio alla Cuoco Schipa e la mia classe è la quarta B. Vorrei rispondere al discorso rivolto a noi alunni di tutta Italia. Per me vedere gli amici è importante e soprattutto bello, ma adesso non si può. Quando lei ha detto che andare a scuola è un esercizio di libertà, ho subito capito che la scuola è la cosa più importante nell’infanzia, per tutti, nessuno escluso. Per essere parte attiva del cambiamento, mi vorrei impegnare tanto sul futuro, essendo generoso e puntando un bersaglio preciso: andare avanti saltando gli ostacoli, proprio come oggi per questa pandemia. La ringrazio molto per quello che fa e spero che tutto questo finisca molto presto. Andrà tutto bene. Un grande abbraccio.

    Giulio - Caro Presidente, sono uno studente di Napoli. Ho visto il suo video e mi è piaciuto molto. In questo periodo di quarantena mi manca molto sia la scuola, sia i maestri e i miei compagni. Ora ho capito quanto la scuola sia importante per la mia istruzione e spero che questo periodo passi presto. Mi auguro che con il passar dei mesi, tutti c’impegneremo per avere un cambiamento della società. La saluto Presidente e le auguro una vita felice con la sua famiglia.  

    Rita - Buongiorno Presidente, il tuo messaggio mi ha fatto riflettere molto su ciò che sta succedendo, noi non ci dobbiamo arrendere, ma sconfiggere il virus restando a casa. La scuola mi manca e con essa tutto quello che ci sta all’interno. Mi mancano i miei parenti. A scuola (cioè su Zoom) ne abbiamo parlato molto, stiamo cercando piano piano di ritornare alla normalità e ci riusciremo. Intanto stiamo facendo quello che possiamo!

    Giorgio - Egregio Presidente Mattarella, come lei ci ha giustamente ricordato, tante persone in Italia, come in tutto il mondo, stanno morendo in questi giorni a causa della pandemia, anche noi bambini siamo molto in pericolo. Per questo motivo, non usciamo da circa due mesi. Da questa esperienza abbiamo imparato che la libertà non è scontata perché può essere limitata da eventi imprevedibili e dalle decisioni del Governo per gestire l’emergenza. Quindi è molto importante che chi decide per il Governo pensi alla salute di noi bambini, ma anche ai nostri diritti e all’importanza della nostra libertà. I bambini anche se non lavorano e quindi non producono, sono il futuro della Nazione e hanno bisogno di studiare, muoversi, incontrarsi e conoscere il mondo per lavorare e rendersi utile un domani. La ringrazio per il suo lavoro e sono certo che Lei saprà prendere le decisioni migliori per noi bambini. Distinti Saluti.

    Morgan - Caro Presidente, sono uno studente della quarta B della Scuola Cuoco Schipa di Napoli. Durante la video-lezione abbiamo visto il suo video e mi ha fatto capire che mi mancano gli amici, la scuola e lo sport. Non vedo l’ora di ritornare a scuola! Questa pandemia mi ha fatto capire che la scuola è importante per la mia istruzione ed io sto continuando a studiare tantissimo.

    Giorgia Diana - Caro Presidente, sono un’alunna della classe 4a B, I.C. IX Cuoco Napoli. Io e la mia classe, ti volevamo ringraziare per il messaggio che hai dedicato a noi studenti. Sono davvero molto, molto colpita. Io penso che quando la pandemia sarà finita ci sarà più rispetto della natura, perché senza macchine e senza fabbriche funzionanti l’aria è molto meno inquinata. La prima cosa che vorrò fare, quando la pandemia sarà finita e potremo uscire, è fare una festa con tutte le persone che conosciamo e anche quelle che non conosciamo, all’aperto !!! E sono davvero contenta anche se non posso uscire, sono contenta perché è vero stiamo crescendo e stiamo imparando molto, anche se sembrava difficile. Dopo un po' ti abitui ed è molto diverso, ma divertente. Infatti in molti giorni di video-lezioni mi sono abituata e mi sta piacendo moltissimo. ANCORA GRAZIE INFINITE

    Francesco - Caro Presidente, questi giorni sono molto strani per noi, perché siamo chiusi in casa da mesi a causa della pandemia. Ho ascoltato il suo messaggio diverse volte e ho capito che questi tempi non sono facili per nessuno e nessuno ce la fa più, nemmeno io. È stata bella la frase che ha detto: “Andare a scuola è un esercizio di libertà” che per me significa che a scuola puoi fare anche tante amicizie! Io le chiedo di far rispettare sempre le regole a tutta l’Italia. Io le rispetterò sempre e lo farò per la mia sicurezza e per quella degli altri. Arrivederci.

    Classe 4B

    Plesso Cuoco

     


    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi